I segnali emessi da CMO sono simili a fenomeni di risonanza non dannosi ed agiscono a livello cellulare contro le onde emesse dai dispositivi che abbiamo detto essere contaminatori. CMO contiene una soluzione salina non ionizzante, non tossica, oscillante, che produce un’induzione magnetica di intensità ultra-bassa, misurata come induzione magnetica di origine biologica, nel femtotesla by SQUID (Superconducting Quantum Interference Device). “La radiazione della CMO, così misurata, è equivalente all’intensità della radiazione degli organi del corpo (in particolare il cervello*): circa 150 femtotesla.

La CMO allora funziona come una “forcella di sintonia” sintonizzata alla frequenza originale, promuovendo appropriate risonanze; questo è ciò che spiega l’efficacia della protezione dell’OMC guardando i parametri biologici. Questa efficienza è dimostrata dalla concentrazione di calcio, ma anche nello studio di ormoni multipli o altri marcatori biologici ritornati alla normalità con l’OCM, nonostante l’esposizione all’aria.